Perché non utilizziamo l’evoluzione per creare funghi con più tipi di mutazioni antibiotiche?

Mettere poche specie di funghi in un ambiente estremo non accelera davvero il loro tasso di adattamento. Ci vuole molto tempo prima che un organismo sviluppi un percorso sintetico totalmente nuovo, dell’ordine di milioni di anni. Questo semplicemente non succederà in una capsula di Petri.

Al contrario, i batteri possono evolvere molto rapidamente in una capsula di Petri, molto più rapidamente dei funghi. Lo fanno in un modo completamente diverso. I batteri scambiano il materiale genetico tra loro in modo abbastanza promiscuo, sia attraverso la coniugazione diretta che attraverso la mediazione dei virus che vivono con loro e parassitandoli. Un singolo gene vantaggioso può diffondersi attraverso una popolazione di batteri in poche ore, migliaia di volte più rapidamente di quanto possa fare con i funghi o altri eucarioti. E ogni popolazione casuale di batteri ha un’enorme diversità genetica, dando loro un enorme numero di percorsi adattivi. Quindi, nel tuo scenario ipotetico, i batteri si adatterebbero a qualunque cosa i funghi potrebbero lanciarli letteralmente milioni di volte più velocemente di quanto i funghi potrebbero evolvere nuovi composti da usare contro di loro.

Quello che facciamo invece, che funziona molto meglio, è quello di campionare migliaia di specie di funghi provenienti da ambienti diversi e testare ognuno contro le popolazioni di batteri che siamo interessati a sopprimere. Quando ne troviamo uno che funziona bene, possiamo quindi indagare ulteriormente per capire quale composto precedentemente sconosciuto sta producendo.

Related of "Perché non utilizziamo l’evoluzione per creare funghi con più tipi di mutazioni antibiotiche?"

Cosa ti fa pensare che non stiamo già facendo questo?

La maggior parte di qualsiasi componente trovato in natura è nein sintetizzato dalla natura. E stiamo facendo un sacco di batteri o altri OGM cellulari per favorire questa produzione.

E in ogni momento i ricercatori stanno cercando di spingere gli esemplari nei desiderati direttori o alla ricerca di nuovi organismi utili in natura.

Questa è davvero una buona domanda. Il diavolo è nella coda del mare (ooops che era l’incantesimo corretto). Quello che ho provato a digitare su questo piccolo schermo è “il diavolo è nei dettagli” del design sperimentale. Cerca di essere intelligente e pensa come un batterio o un fungo. È improbabile che funzioni direttamente ma potresti anche essere fortunato. Non c’è una risposta veloce alla tua domanda, ma è un potenziale “percorso con il cuore” per il microbiologo giusto.

Non capisco la tua domanda.

Vuoi creare superbatteri, resistenti a tutti gli antibiotici, così uccideranno più persone? Se è così, cattiva idea.