Come trattare un bruciore di stomaco a 7 settimane di gravidanza

Il tuo bambino è lungo circa un quarto di pollice ora delle dimensioni di un mirtillo. Sembra ancora abbastanza piccolo? Considera questo per una piccola prospettiva: il tuo bambino è 10.000 volte più grande di quanto non fosse al momento del concepimento un mese fa. A 7 settimane di gravidanza, la maggior parte di quella crescita è concentrata nella testa (il migliore per immagazzinare tutte quelle intelligenze) quando vengono generate nuove cellule cerebrali al ritmo di 100 al minuto. Com’è per un genio in erba?

Mi ha reso la vita più confortevole: Heartburn No More (TM)

E parlando di gemme, il tuo bambino uscirà su un arto questa settimana. I suoi gemelli di braccia e gambe iniziano a germogliare ea crescere più a lungo (e più forte), dividendosi in segmenti di mano, braccia e spalle e segmenti di gambe, ginocchia e piedi (anche se le gemme degli arti sembrano più paddle di mani o piedi in questa fase iniziale).

Anche formando questa settimana sono la bocca e la lingua del tuo bambino. I reni sono ora in posizione e sono pronti per iniziare il loro importante lavoro di gestione dei rifiuti. Presto, il tuo bambino inizierà a produrre urina. Fortunato per te, non c’è bisogno di pannolini (ancora).

Anche se non stai dicendo a nessuno che sei incinta, il tuo bambino sicuramente te lo dirà. Non in così tante parole, ma in tanti sintomi di gravidanza. Come quella fastidiosa nausea che ti segue in giro giorno e notte o tutta quella saliva in eccesso che si raccoglie nella tua bocca (sto sbavando?). E poi c’è quell’altro segno di gravidanza che non puoi assolutamente perdere (specialmente quando ti sforzi di abbottonarti la camicia): quei cambiamenti nel tuo seno (sono davvero miei?).

Related of "Come trattare un bruciore di stomaco a 7 settimane di gravidanza"

Ci sono molte opzioni sicure. Comincerei con antiacidi topici come Maalox, Tums. Se ciò non bastasse, prenderei in considerazione i bloccanti dei recettori H1 come gli inibitori della ranitidina o della pompa protonica come il lansoprazolo o l’esomeprazolo