Intereting Posts
Perché è importante una reazione di sintesi? Consiglieresti lo Sky IUD per il controllo delle nascite? Quando posso correre dietro a un cortisone colpito al ginocchio? Perché non possiamo produrre vitamina B12 come erbivori? Per quelli di voi che hanno avuto l’ADHD e non sono stati in grado di incontrare un terapeuta o avere accesso ai farmaci, come avete superato le vostre condizioni? Posso assumere capsule di vitamina D una volta alla settimana senza prescrizione medica? Mangiare un dessert prima ti rende più o meno propenso a mangiare più tardi? Questa argomentazione è colpevole della fallacia della generalizzazione frettolosa? Dopo una colecistectomia e senza complicanze è necessaria una visita gastroenterologica, oppure è sufficiente un esame fisico di follow-up con un medico primario? Qual è lo scopo delle coperte termoriflettenti sulle vittime di traumi? Quali sono i modi per assicurarsi di non ottenere coaguli di sangue mentre si trova in una posizione stazionaria diversa dallo spostamento? La resistenza all’insulina può causare ipoglicemia? C’è qualche relazione tra il calore corporeo e la masturbazione? Se qualcuno è diabetico e prende 30 unità di Lantis al giorno, è morto se prende 200 unità? E ‘una morte dolorosa o perdi conoscenza velocemente? In qualità di infermiere di terapia intensiva o di infermiera di cure cardiache, i medici / chirurghi dei tuoi pazienti sono molto severi con te? Sono molto protettivi nei confronti dei loro pazienti?

I pazienti (consumatori sanitari) dovrebbero preoccuparsi del burnout da parte di medici e infermieri?

Il “burnout” tra gli operatori sanitari è in aumento, poiché ci viene chiesto di eseguire “miracoli” su base giornaliera per soddisfare le richieste del pubblico. Probabilmente è saggio anticipare che non ti sarà data la giusta quantità di attenzione personale che ritieni meritata quando hai bisogno dei servizi di un PCP o di un altro operatore sanitario. Ci aspettiamo di fare di più con meno. Cose come prendersi cura di un certo numero di pazienti in una quantità di tempo “standardizzata” per ogni cura richiesta per un determinato disturbo presentato (che, purtroppo, non consente il tocco personale e premuroso che il paziente sta cercando). Ciò è dovuto a un numero, se necessario. Non solo il tempo previsto trascorso con il paziente è un fattore, ma un finanziamento (ad esempio assistenza e rimborsi); ma è anche influenzato dai punteggi di soddisfazione del paziente. Eppure, il carico del paziente è in costante aumento dal momento che le disposizioni sanitarie sono costantemente rivalutate; tuttavia, è prevista la stessa quantità di prestazioni soddisfacenti (spesso richieste), indipendentemente dal fatto che si tratti di un numero qualsiasi di pazienti, 1-99. Questo diventa davvero molto frustrante e stressante poiché il tuo desiderio è di dare ad ogni persona il trattamento, il tempo e l’attenzione che merita; ma hai limiti e circostanze “umani” che ti impediscono di fare del tuo meglio.

Quindi in risposta alla tua domanda; quello dovrebbe essere preoccupazione; tuttavia, i fornitori di sanitari, gli ospedali, le cliniche e altri servizi associati dovrebbero essere presi in considerazione quando si arruoleranno i servizi di cui si ha bisogno. L’altro triste fatto è che peggiorerà solo quando i requisiti e le aspettative aumenteranno ei fornitori si estenderanno oltre i loro limiti.

Vorrei poter fornire una risposta più “positiva”, ma credo che l’onestà sia la migliore politica. Spero che questo ti porti a esaminare da vicino i tuoi bisogni e le tue soluzioni. Ci sono sempre delle eccezioni alle regole, quindi spero che tu abbia fortuna quando devi affrontare i fornitori con cui entri in contatto.

Related of "I pazienti (consumatori sanitari) dovrebbero preoccuparsi del burnout da parte di medici e infermieri?"

Credo che anche i pazienti dovrebbero preoccuparsi del burnout da parte di medici e infermieri. Per questo, ti darò due (2) risposte logicamente diverse.

Prima risposta:

Lo stress e il burnout sono concetti che hanno sostenuto l’interesse di infermieri e ricercatori per diversi decenni. Questi concetti sono molto importanti per la forza lavoro in generale e in particolare per l’assistenza infermieristica. Nonostante questo interesse e rilevanza, gli effetti dello stress e del burnout sugli esiti dei pazienti, sulla sicurezza del paziente e sull’assistenza di qualità non sono ben definiti dalle prove . C’è un grande bisogno di studi completi che esamineranno queste dinamiche in un modo che fornirà prove più solide su cui basare la pratica (Jennings, 2008)

Link al suo lavoro: stress da lavoro e burnout tra infermiere: ruolo dell’ambiente di lavoro e condizioni di lavoro

(Una buona lettura in effetti)

e

Seconda risposta:

Il servizio è anche un prodotto. Vorresti, in quanto consumatore, accettare una qualità inferiore a quella degli operatori sanitari? Io non la penso così Ma una cosa è certa, noi, il team medico – i vostri medici e infermieri sono disposti a fornire i nostri servizi perché siamo vincolati a credenze etiche: Primum non nocere (Do No Harm)

Siamo qui per il servizio dell’umanità.

Immagine grazie a: (Blog di SocialSteve)

I pazienti (consumatori sanitari) dovrebbero preoccuparsi del burnout da parte di medici e infermieri?

Sì.

La sicurezza del paziente è influenzata dal burnout del medico.

I medici bruciati fanno più errori, tra cui:

  • Diagnosi sbagliata
  • Farmaci sbagliati

Ordinano anche più test prima di fare una diagnosi che aumenta i costi senza aumentare la qualità delle cure.

La prevalenza del burnout (oltre il 50% dei medici e degli infermieri ha almeno un sintomo) è una minaccia per il nostro intero sistema sanitario. Maggiori informazioni a riguardo sono dettagliate in questo post:

Qual è la più grande minaccia per il nostro sistema sanitario?

Questa illustrazione, un estratto dal mio libro, Burnout: Prevention and Recovery, Resilience and Retention , mostra alcuni degli esiti indesiderabili delle cause del burnout:

In un certo senso, il burnout può essere contagioso perché quando alcuni membri del team vengono bruciati, l’onere per gli altri membri del team aumenta, aumentando così il rischio di sviluppare il burnout.

Un singolo errore con una diagnosi o un farmaco può provocare un effetto a catena che aumenta il carico di lavoro di molti altri.

Sì, dovrebbero. Ma preferibilmente prima che diventino pazienti effettivi. Ognuno è un potenziale paziente e pertanto dovrebbe prendere sul serio la salute del proprio servizio sanitario. Quando un servizio sanitario è sottofinanziato e con risorse insufficienti, quando il servizio è sotto organico, e il personale che sta viaggiando all’estero, quando ci sono costantemente titoli su quanti pazienti si trovano sui carrelli anziché essere ammessi, allora è passato per contattare i vostri rappresentanti.

Abbiamo tutti bisogno di dire loro che, invece di ridurre le aliquote fiscali, abbiamo bisogno di investimenti nelle infrastrutture, le cose che mantengono la società: sanità, istruzione, alloggio. La povertà e la privazione e la mancanza di risorse comunitarie causano indicibili miserie e portano a enormi problemi in futuro.

Quindi – cosa causa il burnout nel personale sanitario? Le richieste superano le risorse disponibili, giorno dopo giorno. Le persone che si occupano di lavori sanitari in genere vogliono fare del loro meglio per le persone. Quando lo staff sa che, nonostante le loro migliori intenzioni, la cura che stanno dando è al di sotto degli standard, è una ricetta per il burn-out.

Come staff, ci viene costantemente detto che la cura di sé è una nostra responsabilità; che dovremmo assicurarci di prenderci le pause per il pranzo e le pause per il bagno e assicurarci di dormire a sufficienza. Ma se questo non è supportato dal supporto organizzativo, le persone finiscono per non ottenere nessuno di questi.

Se non vuoi essere trattato da una persona insensibile e sfinita; se non vuoi che i tuoi cari siano trattati da personale che è stato abusato da altri pazienti e dal management; poi per l’amor del cielo, scrivi una lettera forte ai tuoi rappresentanti.

(Non che ascolteranno … il governo irlandese del 1980 presente).

I pazienti dovrebbero essere preoccupati per la competenza delle cure che ricevono e dovrebbero difendere i propri interessi. Quindi sì. Ci dovrebbe essere una preoccupazione se notano la comparsa di burnout medico e infermieristico che sta influenzando la qualità delle cure che ricevono. Tale effetto potrebbe essere un danno per la salute e il benessere dei pazienti. Dovrebbero essere preoccupati per questo in anticipo di qualche problema? No, non credo che sia necessario. Si può solo credere che questo non sia il caso, poiché la fiducia è un aspetto fondamentale di un rapporto medico / paziente, infermiera / paziente. Detto questo, un paziente dovrebbe essere consapevole di ogni aspetto dell’assistenza che sta ricevendo e se qualcosa sembra off, rivolgere educatamente alla situazione o passare a un nuovo fornitore.

Sì!!

Perché? Perché quando questa infermiera odora il fumo della sua stessa bruciatura nelle vicinanze, come nel pomeriggio di ieri diventa molto, molto difficile per me fare le parti essenziali del mio lavoro … Come il pensiero critico. Il mio giudizio si appanna. Potrei sbagliare. Ho certamente difficoltà a concentrarmi. Si tratta di prendere una specie di pausa. Molto spesso è il momento di andare a casa comunque. In caso contrario, potrei fare una passeggiata, o il mio preferito è googling su cartoni rilevanti.

Quello che non faccio, mai, è eseguire qualsiasi abilità che non sono all’altezza. Non è popolare dire “no”, ma è comprensibile.

È utile esserne consapevoli. Questo potrebbe aiutarti ad evitare alcune situazioni. Per quanto ci si preoccupi di questo, non è sicuro quale sarà la tua preoccupazione per aiutare la situazione. Ieri ho letto che solo il 45% dei medici praticanti sceglierebbe di nuovo la medicina. Questa non è una buona situazione per il settore sanitario.

Sì. Stai affidando alle persone la tua vita e il tuo benessere. Se sono troppo esausti per trattarti correttamente, questo è un grosso problema.

In poche parole:

Il burnout porta ad errori. Gli errori portano a danni. Harm = cattivo.

Certamente dovresti, ma preferirei che tu non lo facessi!
Dico questo perché l’ho visto troppo spesso. Dirai qualcosa a “qualcuno in carica”. Se c’è una regola quasi universale, è che gli amministratori e i politici sanitari reagiscono sempre con “Le percosse continueranno fino a quando il morale non migliorerà”.