Il farmaco fa male a te?

Sì.

Il motivo per cui le persone lo usano ancora è che può anche essere buono per te, o almeno utile. Tuttavia, ci sono alcune considerazioni da tenere in considerazione:

  • La scelta generalmente non è “usare farmaci” o “non usare farmaci”. – Ci sono molti passi avanti in cui prevenzione, mitigazione, strategie di gestione senza farmaci e altri sforzi potrebbero aver cambiato le tue esperienze. Usare o non usare droghe è un esame superficiale di un problema complesso i cui fattori e implicazioni superano di gran lunga le opzioni in un dato momento.
  • I benefici statistici non sono benefici personali. – Ciò che funziona o si traduce in maggiore aiuto che danno “in media” è un commento su come tu, personalmente, risponderai a un farmaco. Come tutti hanno spiegato, tutti i farmaci hanno dei rischi e il punto non è di generalizzare che “tutti i farmaci sono buoni / cattivi” o che “questo farmaco è più adatto per la condizione X” perché le decisioni sull’assistenza sanitaria e sul consumo di droga sono individualistiche e contestuali.
  • “Buono” e “Cattivo” sono basati sugli obiettivi. – Se solo la sopravvivenza è una preoccupazione, puoi giustificare tutti i tipi di misure, ad esempio. Ma l’esperienza umana è più complicata di così. Tendiamo anche a valutare “la qualità della vita” e gli aspetti specifici del funzionamento personale e fisico, e preservare o abilitare attività particolari che potrebbero non essere così importanti per una persona come la prossima. Il modo in cui definiamo queste cose influisce sul modo in cui viviamo i risultati e anche su come valutiamo i rischi e i potenziali benefici nell’utilizzo dei farmaci.
  • “Farmaco” è un concetto funzionale, ma una delineazione oggettiva. – Come tale, è una categoria che circoscrive una varietà potenzialmente infinita di cose diverse. Il modo in cui usiamo un articolo è ciò che determina il suo valore medicinale o l’etichettatura, e alcuni articoli, usi e contesti d’uso potrebbero comportare molti più danni di altri. Pertanto, “farmaci” non è una categoria uniforme in termini di concetti inclusi e in termini di risultati potenziali ed esperti.

Il farmaco come strumento ha un posto prezioso nella società umana, così come le vite e le comunità di animali non umani. Ma questo non significa che sia sempre usato in modo appropriato o che non sia male per il corpo o la mente, come certamente può essere. Alcune sostanze medicinali sono meno potenti o meno capaci di causare seri problemi, ma tutte le alterazioni fisiche includono la possibilità di effetti desiderabili e indesiderabili. E, come discusso, il modo in cui caratterizziamo gli effetti e i risultati è relativistico-soggettivo, personale e orientato agli obiettivi.

Related of "Il farmaco fa male a te?"

Questo dipenderà interamente dall’individuo. Alcune persone avranno brutte esperienze con i farmaci, altre saranno miste e altre potrebbero fare bene con un piano di trattamento del genere. La sua efficacia dipenderà da come i sintomi di quella persona si presentano e da come il farmaco interagisce con il loro cervello.

Personalmente ho avuto per lo più buone esperienze con i farmaci. Sono ancora funzionale senza farmaci, ma sono molto più incline a ricadute in psicosi o depressione, ei miei sintomi sono molto più evidenti. Più a lungo vado da loro, peggio diventa. Riconosco che ci sono alcuni effetti collaterali. Francamente, non mi hanno influenzato abbastanza da convincermi che la vita sarebbe stata migliore senza farmaci. Ancora una volta, questa è solo la mia esperienza. Non c’è una risposta generale a questa domanda.

Avevo appreso di un detto saggio nella mia scuola di medicina … Non c’è niente chiamato “Poison”, tutto dipende dalla dose!

Quindi, non c’è niente come una medicina sicura, e qualsiasi farmaco attualmente in uso ha i suoi effetti collaterali, inclusi gli integratori vitaminici. Detto questo, il medico ti avrebbe valutato e consigliato di continuare i farmaci dopo aver valutato i benefici rispetto ai rischi. Quindi fidati del tuo dottore e consultalo prima di ritirare i farmaci a lungo termine.

Se è stato prescritto per curare un disturbo per il quale hai cercato aiuto, è statisticamente meno grave della maledizione che trattano.

Non esiste una cosa come un pasto gratuito, la materia deve essere compensata e il farmaco ha effetti collaterali.

Tuttavia, ad esempio, nel caso di vaccini che inducono una giornata di lieve febbre vs morte o diffusione di una malattia infettiva facilmente prevenibile come il morbillo, sei pronto per una decisione molto chiara.

Se si tratta di un farmaco che qualcuno sta prendendo per nessuna indicazione particolare, allora sì. Nel migliore dei casi non avrà alcun effetto e nel peggiore dei casi può causare reazioni avverse al farmaco. Ma ovviamente, se c’è un’indicazione per questo, e i rischi di prendere il farmaco superano i rischi di non assumere il farmaco, allora si può ovviamente sostenere che i farmaci sono buoni.

Devo dire che nessun farmaco viene fornito senza effetti collaterali e reazioni avverse ai farmaci (ADR), ma che differisce davvero da individuo a individuo. Un individuo potrebbe prendere un farmaco particolare per anni senza sviluppare alcuna ADR e ancora, un altro potrebbe iniziare a prendere quel farmaco e sviluppare una ADR.

Spetta all’individuo e al suo medico decidere quale farmaco è buono per quella persona, tenendo conto di eventuali altre condizioni mediche che la persona potrebbe avere e di eventuali altri farmaci che la persona potrebbe assumere.

Sì…. E no. Ogni scelta in medicina è un equilibrio tra il bene e il male e il peso di questi rischi. I farmaci non sono diversi. Con i farmaci, chiamiamo questi rischi “effetti collaterali” o “effetti collaterali”. Un medico dovrebbe spiegare questi rischi con te e renderti consapevole di loro.

Quindi questa è una domanda piuttosto grande, altri farmaci e farmaci della farmacia sono suddivisi in farmaci buoni e cattivi a causa della regolamentazione, dell’uso e di come viene prodotto. Inoltre, se non c’è una vera ragione per prendere il farmaco, allora è un problema.

Per quanto riguarda i danni a lungo termine, ciò avrebbe effetto sul sistema renale e sul fegato più del cervello. Prova Ashwagandha

Grazie per l’A2A. Il mio non lo è. Sono le uniche cose che mi tengono in vita.

è. Se preso senza consultare Doc.