Perché un enzima riduce l’energia di attivazione?

Ogni reazione ha un corretto orientamento dei suoi reagenti. Ad esempio: durante la formazione di un dipeptide, la C carbossilica del 1 ° peptide deve essere orientata verso il gruppo amminico dell’altro; qualsiasi altro orientamento delle 2 molecole si tradurrà in uno scontro, non in una reazione.

Gli enzimi orientano correttamente i reagenti, ma riducono anche l’energia di reazione in altri modi. Nel caso della formazione del legame peptidico, possono interagire favorevolmente con il gruppo OH del carbossilico C e facilitarne l’uscita. Possono anche interagire con il protone (H +) che esce dall’atomo N del gruppo amminico, per lo stesso scopo.

Quindi, in sostanza, ciò che gli enzimi fanno interagisce favorevolmente con gli intermedi al fine di stabilizzarli. La stabilità degli intermedi è ciò che determina l’energia di attivazione, più sono stabili, più veloce sarà la reazione.

Related of "Perché un enzima riduce l’energia di attivazione?"

Gli enzimi svolgono una funzione di catalizzatore.Durante una reazione chimica i reagenti vengono convertiti in prodotti.Per la conversione di reagenti in prodotti, i reagenti devono attraversare la barriera di energia chiamata energia di attivazione per ottenere lo stato di transizione.Per il catalizzatore è un lavoro primario di enzimi per abbassare l’energia di attivazione al fine di accelerare la reazione.

Gli enzimi sono i catalizzatori naturali che portano le molecole reagenti in prossimità dell’orientamento corretto in modo tale che possa verificarsi l’effettiva collisione,

In termini di energia, l’energia necessaria per avvicinare queste molecole reagenti viene superata con l’aiuto di enzimi che ci riferiamo all’energia di attivazione, e quindi diciamo che gli enzimi riducono questo valore energetico.