Potrebbe la vita assumere diverse particelle diverse dall’elettrone, dal protone, dal neutrone?

Protoni, elettroni e neutroni insieme creano tutti gli elementi conosciuti, quindi stai fondamentalmente chiedendo se qualcos’altro può inventare forme viventi. Protoni e neutroni sono fatti di particelle chiamate quark (i quark su e giù insieme formano protoni e neutroni). Ci sono altri quark oltre a questo come le altre due coppie di incantesimi e le coppie più instabili in alto e in basso.

Questi quark avrebbero potuto formare una nuova tavola periodica di elementi se fossero stati stabili. Ma non sono stabili e si decompongono in su e giù per i quark in breve tempo. Le forme di vita potrebbero o potrebbero essere ricavate da queste particelle se fossero state stabili. Ma sfortunatamente non sappiamo in alcun modo che questi quark possano essere stabilizzati.


Ma la speranza non è persa. Oltre ai quark potresti aver sentito parlare dei loro anti-quark anti quark che entrando in contatto con i quark si distruggono a vicenda rilasciando una quantità equivalente di energia. E queste particelle sono stabili finché non entrano in contatto con le particelle normali.

Quindi, da qualche parte lontano potrebbe essere possibile anche se quella possibilità può essere minuscola c’è un altro pianeta che ospita la forma di vita composta dagli anti quark che a loro volta formano antiprotoni e antineutroni che a loro volta costituirebbero antielementi e un tavolo antiperiodico (Nota che il pianeta stesso sarà fatto di antiparticelle come altrimenti ci sarebbe annientamento ..

Sembra fantastico! ma c’è un problema. Se mai scoprissimo un pianeta del genere, non saremmo in grado di interagire con esso perché è fatto di antiparticelle e distruggerebbero la materia normale con il processo chiamato “annhilation” convertendo tutto in energia. Ad esempio, supponiamo che un umano e un anti-umano si toccassero a vicenda, la parte del loro corpo che viene a contatto con l’altro si sarebbe istantaneamente annientata. Tuttavia, la persona morirà anche prima a causa dell’atmosfera che è anch’essa fatta di antiparticelle. Quindi una tale possibilità sarebbe possibile solo se incontriamo gli alieni nello spazio al di fuori di ogni atmosfera, dal momento che non possiamo sopravvivere sul loro pianeta mentre non possono farlo sul nostro.

Related of "Potrebbe la vita assumere diverse particelle diverse dall’elettrone, dal protone, dal neutrone?"

La possibilità di antiparticelle è stata trattata in altre risposte. Oltre a questo, la risposta è “no”. Ma è noioso dimostrarlo.

La dimostrazione sarebbe simile a questa: mostrare che qualsiasi combinazione di particelle diverse dai protoni (quark uud), neutroni (quark udd) ed elettroni non formano particelle atomiche che sono 1) sufficientemente stabili e 2) consentono l’enorme varietà di combinazioni chimiche il carbonio fa.

Senza questi due, è irragionevole credere che possa accadere qualcosa di paragonabile alla chimica della vita basata sul carbonio.

Si potrebbe provare, ad esempio, gli atomi usando i muoni anziché gli elettroni, poiché il muone è così simile all’elettrone, che differisce solo nella massa e nell’emivita. Ma questo è il problema! Il muone non è stabile, ha un’emivita misurata in microsecondi. Come può la vita formare in tali circostanze?

Ci sono molte altre combinazioni che si dovrebbero analizzare, ed è per questo che ho detto che la dimostrazione è noiosa. Ma è ancora un numero finito.

La materia, per la maggior parte, è composta da protoni, elettroni e neutroni. Quasi tutto Le particelle diverse da queste non formano molecole e quindi non possono realmente formare materia vivente.

Beh, potrebbero essere creati da positroni, antiprotoni e anti neutroni … ma immagino che considererai un imbroglio come se fossero solo equivalenti all’antimateria.

Non sappiamo nient’altro che possa creare una chimica complessa, necessaria per qualcosa di simile alla vita. Avremmo bisogno di equivalenti “atomo” stabili che possano interagire in modi diversi, e qualche capacità di unirli in schemi complessi (alcuni equivalenti ai polimeri, qualcosa per immagazzinare energia, qualcosa per convertire l’energia immagazzinata in forma utilizzabile, un metodo di ereditarietà. .eccetera). Non è impossibile in linea di principio – ma non sappiamo nulla con anche una vaga possibilità.